5 commenti su: tie-break

    • Grazie, ottima aggiunta. Dovremmo guardare più spesso alle soluzioni francesi o spagnole agli anglicismi che spesso ci appaiono “necessari”.

  • Sommessamente: la pallavolo non è il tennis. Nel tennis sia i “vantaggi” sia il “gioco decisivo” sono due situazioni ben definite, la prima codificata dal regolamento e la seconda determinata dall’andamento della gara: non possono essere proposti quali traducenti credibili di tie-break, ingenererebbero confuse sovrapposizioni. D’altra parte “spareggio” ha quale controindicazione il potersi riferire anche ad altro genere di situazione, sebbene non di gioco (ad esempio si spareggia nelle competizioni a squadre). “Spariglio”, la mia proposta, non soffrirebbe di alcuna delle vulnerabilità predette.

    • Questo dizionario dei sinonimi ha anche lo scopo di spiegare il significato di alcuni anglicismi, e mi pare che spareggio renda il significato dell’inglese e sia in uso come sinonimo utlizzabile in modo più generico. “Spariglio” non è in uso in questi ambiti sportivi, da quel che so (i dizionari lo includono nel gergo dello scopone scientifico o della scopa con altro significato), dunque, per quanto mi paia una proposta ben congegnata, credo che abbia poco senso includerla, l’interlocutore non capirebbe, a meno che non sia utilizzata come soluzione espressiva creativa in un peciso contesto che ne potebbe denotare il significato. Potrei riscrivere meglio la voce distinguendo le differenze tra tennis e pallavolo, in effetti. Grazie. Saluti

  • “Spareggio” certo rende il significato dall’inglese, resta che se in un’arena tennistica lei si rivolge al suo vicino citando sul 6 giochi pari la necessità di uno spareggio, questi penserà che lei si trova lí per caso, ignaro del gioco in sé, magari ospite di uno dei finanziatori che regalano costose poltroncine a scopo di pubbliche relazioni o simili. Ecco, a mio umilissimo avviso occorrerebbe sempre mantenersi ben aderenti alla realtà delle cose se si vuole avere la possibilità di incidere, altrimenti temo che il “gioco di società” tenderà a configurarsi e attestarsi.
    “Spariglio” non ha certo la pretesa d’esser accolto qui o altrove senza prima, quantomeno, sottostare al vaglio di una seria discussione tra addetti: voleva e vuole essere una mera nuova proposta intorno a cui eventualmente, appunto, dibattere.
    A ogni buon conto, grazie del tempo che in questa ultima domenica di confinamento sta intendendo dedicarmi. Un saluto anche a lei.

Lascia un commento