inbreeding

inbreeding 1) in italiano si può esprimere benissimo con analoghi tecnicismi come inincrocio o endogamia, e in parole più semplici con riproduzione tra consanguinei; 2) in zoologia è una tecnica di riproduzione artificiale per selezionare nuove varietà, quindi anche una selezione artificiale, un incrocio o ibridazione tra consanguinei o individui geneticamente affini; 3) in natura è un fenomeno che riguarda spesso popolazioni di animali che vivono in ambienti delimitati (per es. un’isola) o in gruppi ristretti e chiusi, e la riproduzione tra consanguinei rappresenta un problema per il ricambio genetico; es. tratti dai giornali: “Gli orsi bruni marsicani soffrono di inbreeding” = di endogamia, o dell’accoppiamento tra consanguinei (e del problema del ricambio genetico); “Nuove prove per l’ipotesi di inbreeding fra Homo Sapiens e Homo di Neanderthal” = di ibridazione, di accoppiamenti, di incroci.




Lascia un commento